Viaggi a casa nostra

Associazione “Arcopolis” e “Sineglossa”

Nel quartiere Archi di Ancona, nella città di Ancona in particolare nei luoghi simbolicamente più rappresentativi della stessa e nei Paesi del mondo di provenienza degli abitanti del quartiere Archi di Ancona

L’“altro” può essere inteso in due sensi. Da un punto di vista più superficiale ed estrinseco, possono essere considerati “altri” i residenti di una città di origine straniera. Da un punto di vista più profondo, tuttavia, l’“altro” può essere l’alterità culturale delle comunità straniere che arricchisce e colora l’identità cittadina, e che si rivela essere non qualcosa di esterno, ma qualcosa che definisce internamente quella stessa identità, che è in realtà un movimento perpetuo di inclusione e integrazione degli elementi allotri, condotti dalla estraneità alla più intima appartenenza. Il progetto ha il valore antropologico di favorire una conoscenza dell'altro inteso come risorsa di crescita personale, e non come nemico da cui difendersi: un “altro” che è essenzialmente un essere umano con cui immedesimarsi, che ha le stesse nostre stesse esigenze, speranze, bisogni, paure e desideri.